1 May 2014

One hand on the Trophy? Don't let it slip!

Have you ever played Super Mario Kart? If the answer is yes and you were a good player, you'll certainly remember the moment when you were in the final part of the last race of the game. Now imagine that in that precise moment, when you're 100 m far from the finish line, you slip on one of the notorious Super Mario Kart banana peels and you lose not only the race but also the whole trophy. 
What happened on Sunday afternoon at Anfield Road strongly resembles that kind of experience on the iconic video game for Nintendo 64. Liverpool, leader of the table, would have reached the final trophy (the first Premier League in their history) with a victory over title rivals Chelsea, but Steven Gerrard's slip around the end of the first half allowed Demba Ba to score and to secure a crucial victory for Mourinho's eleven.

It's intriguing and tragic at the same time that the slide came from Liverpool's most iconic player, its Super Mario, its captain and the symbol of an unexpected and outstanding Reds' season. Stevie G. indeed, after the significant victory over Manchester City, gathered his mates in the middle of the pitch and boost them up saying: "We don't let this slip now". Yes, "slip", he used exactly that word.
Being the Liverpool captain known as "a silent leader", who is respected in the dressing room, but who prefers not to be too ostentatious on the pitch, his speech became immediately popular. Thus, it's even more a twist of the fate that he was the one who slipped on the crucial match of the year, allowing a defensive Chelsea to score the goal that closed the game.

On Sunday, as well as following passionately the match on the tv, I was also checking the official hashtag of the game on Twitter.
The tweets were clearly divided into two topics: on the one hand, there were all the jokes and the irony statements about Stevie G., and on the other hand there was Jose Mourinho. Would you have ever thought of somebody else? I really don't think so.

There's one scene explaining how Sunday's victory over Liverpool was not only the team's one, but also the Special One's personal win: his celebration after the final whistle. And it was indeed his victory, because it was not only wisely prepared from a tactical point of view, but especially because of the Mourinho's off the pitch handling of it.

During the days preceding the match, the Portuguese manager created a buzz by saying that he was going to ask the permission of the club to place the second team on the pitch, in order to save the players' energy for the CL return leg against Atletico Madrid (which, as we saw yesyerday night, didn't go in the desired way).

If you add this to his strategy to declare Chelsea as a team not ready to win the title, you understand how he succeeded to put so much pressure on Brendan Rodgers' players, who felt obliged to secure a win.

Moreover, from a tactical point of view, Mourinho decided to park in front of Schwarzer's goal the
same bus that some days before denied Atletico Madrid a goal at Vicente Calderon. The strategy worked again, as Chelsea scored twice although Liverpool got 73% of ball possession. It's a significative stat but, as the CL semifinals between Bayern and Real proved, ball possession means nothing in modern football.

Some might say that Mourinho is just a lucky man or that he is the anti-football. You can agree with them, but, at the end of the story, football relies on results and luck helps winners. It's impossible to deny that, thanks to Mourinho and his players, we now have a thrilling end of the season in England, probably one of the most exciting ever.

With 3 laps to go, the race is still extremely open. Manchester City has its fate in his hand, as thanks to the goal difference it would be the first to cross the finish line by winning all the games. Liverpool must win the 3 games as well, and has to hope that it's slipping time for the other two teams (especially for City who'll play Everton this weekend).

But who knows that Chelsea, whose manager has always declared not to be in the title race, could throw the notorious Super Mario Kart bananas' peels and ruin the party to Reds and Citiziens? At the end, It's just a question of slipping...

23 April 2014

From "The chosen one" to "The wrong one": David Moyes' premature fall at United.

From Goodison Park to Goodison Park. A journey that was supposed to last for many seasons but that, after less than a year, has already come to an end. The chance of a career that faded right where it started from. This is the result of David Moyes' experience on the bench of the most important club in the world, Manchester United.

Yesterday, Tuesday 22th, the club officially announced his discharge as United manager. Rumours about Moyes being sacked started yesterday, and it's no coincidence that it came from the same source that announced Ferguson's retirement. This indeed is just one of the many connections linking Sir Alex to Moyes, because the legendary United manager one year ago wanted his fellow-scot as his heir on the heaviest bench in the world.

Almost one year ago Fergie was hoping to create with Moyes a new era of success at Old Trafford, but actually things haven't gone in the desired direction. Since last summer, when the former Everton manager had been consequently defined "the chosen one", Moyes has succeeded in 10 months to lose the support of 1) the press, 2) the team, 3) the supporters and eventually 4) the owners, becoming "the sacked one" or better, "the wrong one". This name has been chosen by a group of supporters who, fed up with United's horrible season, decided to fly a "wrong one" banner attached to a plane in the sky during United last matches.

It's emblematic that his fall has come exactly where he had gained acclaim and respect, so much so to convince Ferguson and the Glazers to choose him as the manager of the most famous club in the world. Unfortunately, his homecoming at Goodison Park wasn't the sweetest occasion. In addition to being booed by Everton fans, the defeat against the Toffees has mathematically prevented United from qualyifing for next season's Champions League. This provided the droplet that led the Glazers to the decision of his sacking.

As I wrote in the previous editions of "The K point" on Tuttocalcioestero.it, this failure doesn't rely wholly on Moyes' faults but must be also attributed to the players and to the owners. The former have shown on many occasion to not be deserving of being United players, lacking the hunger, the commitment and the passion typical of Red Devils' glorious history. The latter haven't always given the right support to the manager and they haven't been able in several occasions to back him from a technical point of view.

However, at least the Scot has reached one achievement during his brief career at Old Trafford: the number of negative records. As well as United's worst start to the season ever, this year Old Trafford has turned into a playground for many clubs attaining wins for 30 or more years (e.g. WBA, Newcastle, Everton). The worst part of this record is that each of them has deserved the victory, humiliating the team at his historic fortress that is Old Trafford.

These are clear signals of a season that was born badly and that ended even in a worse way. Not only has the technical management and the play shown on the pitch been poor, but also the off the pitch management has been disastrous. And this was already clear in September.

Let's start from the transfer windows. Moyes spent the whole summer chasing big names such as Fabregas and Thiago, but ended up buying the only Fellaini at the very last minute, overpaying him. During the winter session everyone was expecting a revolution to fix the team, but the only purchase was Mata, who hasn't had any big impact and who was paid the crazy amount of £40m. If you sum this with the almost £30m spent for the Belgian midfielder you get a total a £70 m, which has been clearly wasted.

One of the most influential steps of Moyes' fallen has also been the media management. The Scot has been under pressure for most of the year, but in many circumstances he's just suffered the press attacks without a reaction and with poor after match interviews not in line with the Manchester United brand. The lack of character and of backbone (which has had consequence for the identity of the team on the pitch) is one of the things that got the supporters furious about him, forcing the owners and convincing himself to end prematurely his ambitious journey.

What about the future? For Moyes is very likely to be far from any bench for the next year. His £4.5 m six-year contract with United allows him to have a sabbatical year and to extinguish the fire that is surrounding him. In regard to United, Ryan Giggs has just been appointed as temporary manager (with the help of Paul Scholes), while this summer there will be a big name with whom they'll look to create a winning project and organise the transfer market. The name in pole position is Van Gaal, who will be available at the end of the World Cup with Holland.

For sure, United supporters this time are going to wait a little more before showing any banner, 'cause they are worried to be again "the unlucky ones" or better , "the angry ones".

19 October 2013

"Maradona è tornato"

"Non sarò mai un uomo comune", un messaggio chiaro, che cela la consapevolezza di una vita che rifugge l'ordinario. Nel bene e nel male.
 Questo è anche il titolo della collana di 11 dvd in uscita con La Gazzetta dello Sport, la prima uscita è già in edicola. La storia di Maradona è come le favole che ci raccontavano da bambini, sentite e risentite ma ogni volta c'è il desiderio di sognare ancora attraverso una vita che ha cambiato per sempre la storia del calcio e le vite di tanti appassionati in tutto il mondo. Il Pibe dribbla le definizioni proprio come faceva con gli avversari, stavolta a marcarlo trova un mastino che sa come prenderlo, Gianni Minà.
 Il primo Dvd "La verità di Diego", contiene un'intervista inedita rilasciata a Dubai (CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI SULL'OPERA), dove l'argentino ha vissuto una della sue tante vite. Si scrive Maradona, si legge gol, fatti in tutti i modi possibili e immaginabili, cambia l'avversario ma resta la costante: un sinistro benedetto. Le reti che ne hanno fatto re di Napoli, quelle che l'hanno portato sul tetto del mondo nel 1986 passando per due momenti che nessun amante del calcio potrà mai dimenticare. Non se li è dimenticati neppure l'Inghilterra, obbligata ad inchinarsi dinanzi, prima all'astuta mano e poi alla classe immensa del numero 10 argentino.
La carriera di Diego è una galleria ricolma di opere d'arte, ma non un museo. Niente è impolverato, le immagini sono datate ma mai passate, un presente che vivrà in eterno. Una favola da rivivere 100 volte ancora.vivrà in eterno. Una favola da rivivere 100 volte ancora.

MARADONA - Gazzetta Store

1 February 2013

I colpi del mercato di gennaio in Premier.

In Inghilterra ci avevano abituato bene, perchè da parecchi anni la "transfer window" di Gennaio regalava colpi importanti. Quest'anno le acque si sono un pochino calmate, ma non mancano lo stesso alcuni affari interessanti, con il Liverpool in prima fila:

Partiamo però dall'Arsenal, che nelle ultime ore si è regalato per 8.5 mln (tutte le cifre indicate sono in sterline) il difensore del Malaga Nacho Monreal, che va ad ampliare la piccola colonia spagnola creata da Wenger (Arteta e Cazorla). Non fa più parte del progetto del tecnico alsaziano Marouane Chamakh, spedito in prestito al West Ham. Gli Hammers si godono anche il ritorno di Joe Cole (cresciuto nell'acadamey del West Ham) che arriva in prestito dal Liverpool. Come detto, è la squadra di Brendan Rodgers ad aver speso di più e probabilmente ad essersi rafforzata maggiormente con due giocatori di grande prospettiva. Il primo è Daniel Sturridge, pagato 12 mln al Chelsea, e il secondo è Coutinho (8mln), pronto ad esplodere definitivamente. 
La vera notizia di questa sessione di mercato è che il Manchester City non solo non ha fatto acquisti, ma si è anche indebolito cedendo Mario Balotelli, ponendosi così in netta controtendenza con gli anni precedenti. Ferguson invece, per il suo Manchester United, ha deciso di puntare sul giovane talento del Crystal Palace Zaha, sborsando una cifra importante come 10 mln di sterline.
Torniamo a Londra, dove il Fulham abbraccia l'olandese Urby Emanuelson, in prestito dal Milan, e il giovane Frimpong arrivato dall'Arsenal. I Cottagers speravano di ingaggiare anche il portiere olandese Stekelenburg, che nel frattempo era partito con un aereo per Londra, ma la Roma all'ultimo ha bloccato l'operazione.
Il Chelsea si regala un super colpo per rafforzare l'attacco e trovare un'alternativa di primo livello a Fernando Torres (tanto che forse è lo spagnolo ad essere diventato la seconda scelta): Demba Ba. Il bomber senegalese è stato incomprensibilmente valutato solo 7 mln dal Newcastle, e per questo rappresenta il vero affare del mercato invernale.
Con i soldi di Ba Alan Pardew ha potuto continuare la sua operazione di francesizzazione del Newcastle. Oltre ai numerosi francesi già presenti in squadra (Cabaye, Obertan, Ben Arfa), ne arrivano altri 5, tutti provenienti esclusivamente dalla Ligue 1: l'ex capitano del Montpellier Yanga Mbiwa per 6.5 mln, Yoan Gouffran dal Bordeaux per 2.8 mln, Moussa Sissoko dal Tolosa ma soprattutto l'ottimo terzino ex Lille Mathieu Debuchy per 5.5 mln.
Rimane deluso il Tottenham, che sembrava sicuro di abbracciare il talentuoso attaccante brasiliano Leandro Damiao. L'affare è sfumato nelle ultime ore di trattative e Vilas Boas deve accontentarsi di Holtby, arrivato dallo Schalke 04.
Concludiamo il tour di Londra con il solito scoppiettante mercato del QPR. Per evitare una clamorosa retrocessione il magnate Tony Fernandes ha sborsato 8 mln per l'attaccante ex Marsiglia Remy (già a segno) e ben 12 mln per l'ex Anzhi Christopher Samba. Inoltre arrivano anche Ben Haim e il centrocampista ex spurs Jermaine Jenas.
Per le altre squadre il mercato non è stato di certo infuocato. Si segnalano però alcuni movimenti interessanti, tra i quali la cessione di Danny Graham dallo Swansea al Sunderland per 3 mln, lo Stoke che si aggiudica il promettente portiere inglese del Birmingham Jack Butland per 5 mln e il prestito di Henriquez dallo United al Wigan.

                                                                                                                                   Davide K. Cappelli

29 January 2013

Le mie considerazioni sull'affare Balotelli.

Sembrava fantamercato ed invece il duo Galliani-Raiola ha colpito ancora. La vicenda è intrigante, come sempre quando si parla di Balotelli, e mi ha fatto nascere numerose riflessioni:

La prima è sicuramente di natura economica. Balotelli è stato venduto per 20 milioni, ad un prezzo da liquidazione per fallimento. Il City solo due anni fa lo aveva pagato 28 milioni, e sembra assurdo che un giocatore di soli ventidueanni si sia svalutato così tanto. Anzi, più che assurdo sembra impossibile. Nei due anni in Inghilterra, nel campionato più prestigioso del mondo, ha ricevuto la  consacrazione internazionale, decisivo nella vittoria dell' FA Cup il primo anno, ma soprattutto del titolo nel secondo, con gol e prestazioni di grande livello (tra tutte quella nello storico derby vinto 6 a 2 del "Why always me?"). Inoltre dopo l'ottimo Europeo la sua valutazione si aggirava intorno ai 35 mln (fonte Trasnfermarkt.com). Possibile che si sia svalutato così tanto in soli sei mesi? E' vero, la stagione in corso è un flop, con soli due gol in totale e poche presenze, ma 15 milioni di differenza sono veramente tanti. Ma la questione che balza ancor di più agli occhi è la minusvalenza di 8 milioni registrata dalle parti dell'Etihad. Il club dello sceicco Mansour non ha sicuramente bisogno di far cassa, nè tantomento di svendere un giocatore che con un piccolo rilancio avrebbe potuto fruttare fior fior di pounds. Incomprensibile.

E qui entra in gioco la seconda valutazione, di natura ambientale. Il significato di questa operazione è chiaro: a Manchester sponda City superMario non era più il ben accetto. La situazione si era incrinata in maniera netta dopo il ricorso presentato dall'attaccante contro la multa di 400.000 sterline presentata dal club. Ma siamo sicuri che proprio nessuno lo volesse più? Mi sembra strano, perchè c'è una persona che a Manchester l'ha voluto, l'ha coccolato e l'ha quasi sempre difeso, tanto da assumersene più volte la responsabilità. Sto parlando di Roberto Mancini, lo stesso che poco tempo fa aveva ribadito l'incedibilità del suo pupillo. Svendere Balotelli rappresenta una sconfitta netta per il tecnico italiano e molto probabilmente il segnale che questa sarà la sua ultima stagione alla guida dei Citiziens. Ma le considerazioni non finiscono qui.

La terza riguarda l'ex pizzaiolo più potente del calcio: Mino Raiola. E' chiaro che quando si muove lui qualcosa succede, ed è quasi sempre qualcosa con un certo peso specifico. Dopo l'affare Ibrahimovic regala un altro grande colpo al Milan, senza neanche dover far smuovere Galliani. Come faccia a realizzare questi colpi mi piacerebbe saperlo, soprattutto avendolo sentito parlare. E' riuscito a portare "la Gioconda" a Milano. Cheapeau!

Infine, ultima ma più stucchevole considerazione. Forse c'entra poco con il calcio, ma è una delle mille sfaccettature che questa vicenda porta con sè. Riguarda il presidente del Milan. Per chi non lo avesse ancora capito, ora è più che mai palese che siamo in piena campagna elettorale. Chissà perchè, quest'estate, quando regnava il governo tecnico, non c'era nessun problema a privarsi di Ibra e Thiago, mentre adesso, a meno di un mese dalle elezioni, è ritornato il momento di fare colpi importanti. La questione mi fa ridere, perchè il colpo per la sua squadra/ascesa politica è proprio lo stesso giocatore che poco tempo fa lo stesso Berlusconi aveva definito "mela marcia". Adesso la mela marcia è diventata il suo fiore all'occhiello!

La curiosità è a mille per vedere cosa saprà fare Balotelli nella squadra in cui era destinato a giocare. Non puo' giocare in Champions e perciò si perderà la sfida col Barca. Il Milan è un ambiente adatto per contenere le sue esuberanze e allo stesso tempo coccolarlo. Sboccierà definitivamente? Let's see...

                                                                                                                                   Davide K. Cappelli

3 December 2012

Chi è il giocatore più in forma in Premier League?

"Il giocatore più in forma in Premier League è senza dubbio Maroune Fellaini". Potrebbe sembrare una filastrocca per bambini di Liverpool, ma è la pura verità, visto che il belga sta vivendo un periodo di vera e propria onnipotenza.
L'avvio di stagione dell'Everton, abituato a partenze molto "diesel" per poi sbocciare in primavera, è stato tra i migliori in assoluto. I Toffees sono sesti in classifica, imbattuti a Goodison Park e vero e proprio incubo delle grandi. Gran parte del merito va al giocatore con la chioma più famosa di tutta la Premier. Fellaini infatti, nonostante nasca come centrocampista centrale d'interdizione, ha segnato la bellezza di 13 gol in 15 partite (2 meno di Van Persie), piazzando anche 4 assist. E per rendersi conto della maturazione totale del giocatore, non va trascurato il fatto che abbia preso solo quattro cartellini gialli, essendo da sempre considerato (e avendolo più volte dimostrato) un giocatore indisciplinato.
Pagato nel 2008 quindici milioni di sterline (acquisto record della storia dell'Everton e giocatore belga più pagato della storia), il venticinquenne di origine marocchine, è ormai considerato un top player in Inghilterra, tant'è che il suo valore si aggira intorno ai 25 mln di pounds. L'artefice di questa crescita è senza dubbio il manager dei toffees David Moyes, che ha saputo valorizzare la sua potenza aerea e la sua capacità realizzativa, impostando un gioco ad una punta basato sugli inserimenti e sui cross dei centrocampisti e dei difensori esterni (in particolare di quel fuoriclasse chiamato Leighton Baines). A segno contro Arsenal, Manchester City e nella splendida vittoria contro lo United, Fellaini è stato decisivo anche lontano dalla porta, con la sua potenza fisica e il suo spirito di sacrificio.
Tutti fattori che l'hanno fatto diventare un idolo indiscusso a Goodison Park, dove tra l'altro è possibile acquistare una parrucca Fella-Style, in voga tra le signore più chic di Liverpool.
La stagione è ancora lunga e puo' regalare ancora tanto a Fellaini e all'Everton. Moyes dovrà riuscire a resistere alle lusinghe di altri club per trattenere il belga in maglia blue.  
Altrimenti il commercio delle parrucche potrebbe seriamente andare a picco... 
                                                                                                                                   Davide K. Cappelli

Potete ammirare alcune delle sue migliori giocate stagionali in questo ottimo video:

12 September 2012

Il punto su Liga e Bundesliga.

Per gli appassionati di calcio estero questo non sarà un anno bellissimo. Sky ha infatti deciso di non acquistare nè i diritti della Liga spagnola, nè quelli della Bundesliga tedesca. Grave perdita vista la quantità di talenti presente in Spagna e la qualità e il divertimento che ha saputo regalare la Germania nelle ultime stagioni. Ho pensato quindi di fare un punto per capire cosa sia successo in queste prime due giornate di Bundes e tre di Liga.


La lotta per la conquista del Meisterschale vede già una pretendente netta: il Bayern Monaco. I Bavaresi hanno investito tanto quest'estate (Javi Martinez, Shaquiri, Mandzukic) per risollevarsi dopo una stagione che si preannunciava stellare e che si è rivelata disastrosa. A punteggio pieno, dopo le vittorie per 3 a 0 sulla neopromossa Greuther e addirittura per 6 a 1 sullo Stoccarda (con doppietta di Muller), gli uomini di Heynckes sono i rivali n.1 del tanto odiato Borussia Dortmund. A condividere la vetta con il Bayern c'è l'Eintracht di Francoforte. I campioni in carica del Dortmund si trovano a quota 4 punti, dopo una vittoria contro il Werder (a segno i due fenomeni Reus e Goetze) e un pareggio con il Norimberga. Stessi punti per una serie di squadre: lo Schalke, altra pretendente al titolo, il Borussia M., l'Hannover e la sorprendente neopromossa Fortuna Dusserldorf.
Il Wolfsburg vince all'esordio, ma si fa battere in casa 4 a 0 nella seconda giornata. Destino opposto per due altre squadre importanti: il Leverkusen e il Werder, sconfitte all'esordio e vincenti nella seconda giornata. Sempre a 3 punti troviamo il Greuther, che vince sorprendentemente in trasferta contro il Mainz, quest'ultima a quota 1 punto così come il Friburgo.
Ciò che sorprende di più delle prime due giornate sono le squadre fanalino di coda a 0 punti. Prima di tutte c'è il deludentissimo Amburgo, orfano di Vladem Petric, battuto da Werder e Norimberga senza segnare nemmeno un gol. In più troviamo altre due squadre pretendenti all'Europa, ovvero Stoccarda e Hoffeneim. A far loro compagnia anche l'Augsburg.
Campionato partito con diverse sorprese, ma con le solite due a contendersi il Meisterschale (Bayern e Dortmund) con l'insidia Schalke.

Classifica Bundesliga


In Spagna il Barcellona di Tito Vilanova ha già messo il turbo sul Real di Mourinho. 3 vittorie su 3, con goleada all'esordio e vittoria sul Valencia, e una buona anzi buonissima notizia, il ritorno al gol di David Villa.
Il Real Madrid parte malissimo con un pareggio casalingo e addirittura una sconfitta col Getafe, poi però arriva la vittoria per 3 a 0 sul Granda con doppietta del "triste" Cristiano Ronaldo e gol del pipita Higuain. Partono bene con due vittorie e un pareggio anche il Maiorca, il Rayo Vallecano e il Malaga, nonostante il fulmino disamore dello sceicco Al Thani.
Il Deportivo vince all'esordio e colleziona due pareggi, di cui uno nello spettacolare 3 a 3 contro il Valencia siglato dalle doppiette di Soldado e Aguilar. Stessi punti per il Siviglia dello squalo Negredo. L'Atletico Madird, neocampione della Supercoppa Europea, pareggia all'esordio contro la sorpresa della scorsa stagione, vale a dire il Levante, e travolge 4 a 0 l'Athletic Bilbao con una tripletta del solito Falcao. I baschi del seperato in casa Llorente riescono a vincere soltanto una volta, contro il Valladolid con una vittoria firmata Aduriz, e Susaeta. Anche il Betis vince solo una volta, nel 5 a 3 proprio contro l'Athletic, e deve recuperare la gara con l'Atletico Madrid. Sempre a 3 punti troviamo Celta Vigo, Real Sociedad e Saragozza (in gol Postiga). A 2 punti c'è il Valencia, che però ha già affrontato Barca e Real. Il Granada di Floro Flores è penultimo in classifica a solo un punto, mentre a quota 0 si fanno compagnia l'Osasuna e l'Espanyol dell'interista Longo, già a segno con un super gol.
Il Real ha steccato la partenza e deve solo sperare in qualche passo falso del Barca. 

Classifica Liga

7 August 2012

Il punto sul mercato inglese.

In un estate in cui si parla soltanto dei colpi irreali del PSG, e nella quale Spagna e Italia seguono una linea low cost, anche l'Inghilterra, salvo rare eccezioni, non ha regalato grandi sorprese. Fa senso vedere che il Manchester City è in attivo, non avendo ancora effettuato acquisti, visto le precedenti estati che ci avevano regalato acquisti scoppiettanti. 

I protagonisti del mercato inglese sono i nuovi campioni d'Europa del Chelsea. Roman Abramovich ha regalato a tutti i tifosi dei blues 3 top players di grande spessore. Il primo su tutti è la stella belga ex Lille Eden Hazard, pagato 40 milioni, seguito dal fantasista del Brasile Olimpico Oscar (32 milioni) e dall'asso Marko Marin, strappato al Werder per circa 10 milioni. I blues seguivano anche la pista Hulk, ma il Porto se lo tiene ben stretto. Comunque sia, non sarà facile rimpiazzare Drogba. 

Anche l'Arsenal, aspettando l'addio di RVP (anche se ultimamente girano voci che potrebbe restare alla corte di Wenger) si è rafforzato in attacco con Podolski e il capocannoniere della Ligue 1 Giroud, pagato 12 milioni al Montpellier. Inoltre nelle ultime ore è arrivato Santi Cazorla, cacciato dallo sceicco del Malaga, nell'operazione di smantellamento della squadra (19 mln).
Lo United, oltre al corteggiamento a Van Persie, si è aggiudicato la stella del Dortmund Shinji Kagawa per una cifra intorno ai 15 mln e il promettente centrocampista diciottenne Nick Powell. Forse però manca ancora qualcosa per colmare il gap con i cugini del City.
Sempre convincenti gli acquisti del QPR; tra tutti il coreano Park Ji-Sung, preso dallo United per 3 milioni, così come il gemellino brasiliano Fàbio, arrivato però in prestito. 

Il Liverpool cerca il riscatto dalla scorsa stagione con il nuovo tecnico Brendan Rogers, il quale ha voluto fortemente il suo pupillo allo Swansea Fabio Borini (13 mln). Nei piani del nuovo manager non rientra però l'attaccante della nazionale inglese Andy Carroll che finisce in prestito con diritto di riscatto fissato a 18 milioni al West Ham. Vale la pena ricordare che appena un anno e mezzo fa era stato pagato 42 milioni. Un affare? 
Rimanendo a Liverpool, sponda Everton, è da segnalare il definitivo ritorno di Steven Pienaar (5mln), insieme all'ex Rangers Naismith arrivato a parametro zero.

Anche il Tottenham ha cambiato manager, affidando la panchina a Vilas Boas, in cerca di riscatto dopo la disastrosa avventura a Stamford Bridge. Il portoghese ha blindato Modric e ha portato a White Hart Lane l'islandese Sigurdsson (10 mln) e il difensore dell'Ajax Jan Vertonghen (12,5 mln).

Tra le noepromosse si rafforza in maniera importante il Reading, visto gli arrivi del bomber Pogrebnyak dal Fulham e di Danny Guthrie dal Newcastle. Lo stesso Fulham si aggiudica a parametro zero il colombiano ex Wigan Hugo Rodallega e l'ex stella dell'Amburgo Mladen Petric
Da segnalare l'acquisto di Rosenberg da parte del WBA, quello di Steven Davis da parte del Southampton e Ramis che dal Maiorca si trasferisce al Wigan.
Se gli arrivi non sono esaltanti, le cessioni rattristeranno di sicuro gli appassionati della Premier. Salutano l'Inghilterra infatti simboli come Tim Cahill che approda ai New York Red Bulls, Dirk Kuyt, che dopo tanti anni al Liverpool va al Fenerbache o Salomon Kalou, tresferitosi al Lille.

Nonostante la crisi, sarà un'altra stagione esaltante per il campionato più bello del mondo...

2 July 2012

Le mie 10 sentenze sull'Europeo.

Dieci personali conclusioni sull'Europeo di Polonia e Ucrania, tra ironia e polemica (vedi n.10):

ONE - La prima conclusione è forse la più banale, ma è di sicuro quella meno discutibile: La Spagna è il calcio. Basterebbero i dati e i trofei a darne spiegazione (unica nazionale ad aver vinto consecutivamente Europeo, Mondiale ed Europeo), ma c'è anche molto di più. La Spagna è l'espressione massima del calcio come gioco e qualità di gioco. Vincere incassando un gol in tutto il torneo e senza un vero attaccante sarebbe da fantascienza se non ci fossero gli uomini di Del Bosque.

TWO - L'Italia ha fatto tutto quello che poteva e forse anche molto di più. Con la rosa a disposizione arrivare in finale è stato come vivere in un sogno. La Spagna ha risvegliato tutti e fatto riemergere la cruda realtà. Piangere non ha senso. Gli Azzuri sono la dimostrazione che col cuore si puo' arrivare lontano. Una base di qualità c'è, dev'esser bravo e fortunato Prandelli a costruirci una super squadra per il mondiale.

THREE - Il Portogallo è e rimane un'opera d'arte incompiuta. Tanto bello quanto poco capace a vincere un trofeo. La semifinale ne è l'esempio massimo, visto che sarebbe bastato un niente per sbattere fuori, e anche con merito, gli odiati vicini iberici e conquistarsi la finale; eppure ancora una volta non siamo qui a parlare del Portogallo vincente. Injusticia? Chiedetelo a Ronaldo.

FOUR - Non c'è nessun netto pretendente al pallone d'oro. Si diceva che nell'anno in cui la Champions era stata vinta dal Chelsea senza fenomeni e nel quale le nazionali sudamericane non disputavano competizioni, sarebbero stati gli Europei a decretare il candidato n.1 di France Football. Eppure Ronaldo non è nemmeno arrivato in finale, Pirlo non ha vinto, gli spagnoli del Barca hanno vinto solo con la nazionale. Messi sarà dispiaciuto?

FIVE - L'Olanda si aggiudica di gran lunga il titolo di flop dei flop. Unica nazionale a chiudere gli Europei con la bellezza di 0 punti. E' vero che si trovava nel girone di ferro, ma è anche vero che aveva in rosa, soprattutto dal centrocampo in su, un pullman di top players. Forse la causa della rovina è proprio questa, ovvero troppe grandi individualità e troppo poco gruppo.  Delusione totale.

SIX - Pur uscendo in semifinale, la Germania ha disputato un grande Europeo e rimane, dopo la Spagna, il più grande forno di talenti. Fino alla partita con l'Italia si era vista una squadra devastante e con ricambi di qualità in ogni ruolo. Poi però ci si sono messi i soliti odiosi nemici italiani. Stesso discorso fatto per il Portogallo.

SEVEN - Che fine ha fatto la Francia? Da quando non c'è più Zidane i galletti stanno accumulando brutte figure a ripetizione. Nemmeno Blanc è riuscito a salvare un gruppo che si trasforma quando indossa la divisa transalpina. Seconda classificata nella lista dei flop europei.

EIGHT - Pur avendo 23 giocatori provenienti dal più prestigioso campionato europeo, la Premier League, l'Inghilterra è ufficialmente una nazione povera di talento e fantasia. Catenaccio degno del peggiore calcio italiano e attaccanti che devono combattere per 4. Capello o non Capello la storia non cambia. God save the England team!

NINE - Se nell'edizione precedente avevamo ammirato giocatori poco conosciuti diventati poi dei top player, quest'anno non ci sono stati giocatori rivelazione. Non venite a farmi i nomi di Jordi Alba o Marco Reus perchè stareste ammettendo di non sapere niente di calcio.

TEN - Ultima ma più sentita conclusione: La Rai fa schifo e la odio con tutto me stesso. Ero convinto che rovinare il fascino di una competizione così bella fosse impossibile; i giornalisti della Rai mi hanno smentito. Non sanno pronunciare un nome decentemente, anche perchè non conoscono i giocatori, anzi li "scoprono" (come dichiarato più volte da loro stessi in diretta), dal momento che il calcio estero per loro non esiste. Se è già impossibile perdonare le incompetenze, l'ignoranza e le gaffe (come pensare che Hart sia in realtà James) non si possono tollerare gli abusi di frasi fatte, di verve e di coinvolgimento emotivo. Gentaglia da pensionamento, finti esperti e qualità pessima. Ridatemi sky vi prego!

Chiudo con una nota polemica dedicata a tutte quelle persone brave solo a salire sul carro dei vincitori. Tifare è un'altra cosa.

11 May 2012

Top Serie A: I migliori acquisti dell'anno.

Il 31 Agosto, giorno di chiusura del calciomercato, i direttori sportivi cominciano a pregare affinchè i loro investimenti o le loro scommesse vadano a buon fine; a fine stagione, è ora di tirare le somme e fare un bilancio dei migliori affari dell'anno, valutando costo e rendimento.
Ecco i miei top acquisti di quest'anno:

  •  ANDREA PIRLO (Juventus - Svincolato)    

Il regista di Brescia è senza dubbio l'uomo scudetto della Juventus. Giocatore unico (e questo lo si sapeva già), che col cambio di maglia ha ritrovato voglia e nuovi stimoli. La sua è una stagione a dir poco strepitosa, fatta non solo di assist e giocate straordinarie, ma anche di tanta corsa e tanto lavoro. Se poi si considera che il Milan l'ha letteralmente regalato ai bianconeri (regalandogli mezzo scudetto) acquista ancora più valore. Fenomeno.

  •  ANTONIO NOCERINO (Milan - 0.5 mln) 

Chi davvero avrebbe pensato a una stagione così di Nocerino? Siate sinceri: nessuno. Colpo low cost geniale di Galliani che regala ad Allegri un centrocampista da 10 gol in campionato. Si trova benissimo con Ibra e si permette di segnare persino al Camp Nou. Il tutto per 500 mila euro. Scacco matto alla crisi.

  •  GERMAN DENIS (Atalanta - prestito)

L'Atalanta si è salvata con qualche giornata d'anticipo nonstante una penalizzazione iniziale di 6 punti: un miracolo. Il protagonista di questa impresa è sicuramente l'argentino Denis, autore di 16 gol stagionali. Acquisto eccezionale, visto che è arrivato in prestito, e grande intuizione, visto che nonostante le qualità non era mai riuscito a sfondare in Italia. Bomber.

  •  MICHAEL BRADELY (Chievo - 1.2 mln)

E' stato il colpo dell'estate clivense e non ha deluso le aspettative, anzi ha fatto perisno meglio. Il centrocampista americano è diventato un perno fisso di Di Carlo, sia in fase difensiva che costruttiva. Di sicuro uno dei migliori centrocampisti di tutta la Serie A. Supercolpo.

  •  ARTURO VIDAL (Juventus - 10.5 mln)

L'altro simbolo dello scudetto juventino è proprio il cileno arrivato dal Leverkusen strappandolo al Bayern Monaco. Se Conte ha deciso di cambiare modulo dipende tutto da questo giocatore incredibile. Si è inserito benissimo nel nostro campionato e nell'idea tattica di Conte. Statisticamente è il miglior recuperatore di palloni d'Europa, è già questo dice tutto. Inoltre è stato decisivo con qualche assist e 7 gol, alcuni bellissimi. Da tenersi stretto.


Si mangerà le mani il presidente dell'Inter Moratti, vedendo la stagione disastrosa di Forlan e compagnia a confronto di quella devastante del giovane Under 21. Destro è infatti un prodotto del vivaio nerazzuro, ceduto al Genoa e arrivato a Siena. Alla prima in Serie A tocca quota 11 gol stagionali e regala la salvezza al Siena. E' l'esempio vivente che i giovani fenomeni italiani esistono. Basta solo dargli fiducia.

  •  FABIO BORINI (Roma - prestito)

A proposito di giovani "più che promettenti" non si puo' non citare la super stagione di Fabio Borini. Arrivato dal Parma, che dal Chelsea l'aveva riportato in Italia, è stato la nota più positiva di tutta la stagione giallorossa. Infatti si è guadagnato a suon di gol pesanti e di prestazioni di tutto cuore la maglia da titolare. Ha fatto quello che forse avrebbe dovuto fare Lamela, anzi, forse anche meglio. 

  •  ALTRI

Tra gli altri affari dell'estate vanno sicuramente citati: Miroslav Klose, che non ha mai smesso di essere bomber. Basti pensare che la Lazio ha avuto un involuzione dal momento del suo infortuno. Cuadrado e Muriel, arrivati a Lecce in prestito dell'Udinese, che hanno tenuto a galla i giallorossi nel sogno salvezza regalando grande spettacolo. Alessandro Diamanti e Matias Silvestre, protagonisti nelle loro rispettive squadre.

Quali saranno i colpi dell'anno prossimo?

12 April 2012

Bale alla Juventus: Sogno possibile?

Per continuare a pensare in grande la Juventus avrà bisogno di acquisti di primo livello per la prossima stagione, veri e propri top player per continuare ad essere competitiva su tutti i fronti, soprattutto in Champions League. Proprio la partecipazione al trofeo più prestigioso potrebbe spingere grandi giocatori ad indossare la maglia bianconera.
Uno tra questi è di sicuro il ventitreenne esterno sinistro del Tottenham Gareth Bale. Lo rivela un'indiscrezione del quotidiano inglese "Telegraph", secondo cui il gallese sarebbe pronto a lasciare Londra in caso di mancata qualificazione all'Europa che conta. Bale era già finito nel mirino di Barcellona e Real Madrid, ma potrebbe rientrare nell'operazione che porterebbe Krasic, ormai sicuro partente, agli Spurs. Si tratterebbe di un colpo di dimensioni stellari, considerando che si tratta di uno dei migliori esterni a livello mondiale e considerando l'ancora giovanissima età. Inoltre il gallese sarebbe perfetto per il 3-5-2 di Conte e colmerebbe le lacune sulla fascia sinistra bianconera.
I tifosi juventini sono quindi legittimati a sognare visto che  l'ormai fatta qualificazione in Champions e le possibili vittorie di campionato e scudetto regalerebbero un importante tesoretto pronto ad essere investito per portare a Torino almeno 3 giocatori di livello assoluto. E Gareth Bale è sicuramente uno tra questi...

15 March 2012

Le pagelle delle 8 finaliste di Champions League

La Champions è la competizione che più di tutte sa regalare soddisfazioni e delusioni, e mai come quest'anno grandi sorprese. Lo dimostra anche la prima fase ad eliminazione diretta (gli ottavi) che ha promosso 8 squadre da tutta Europa, con la Spagna unica nazione ad avere due rappresentanti. Vediamo un po' le pagelle:

  •  APOEL: 10 e lode            
Come non dare il massimo dei voti ad una squadra che per la prima volta nella sua storia e di quello del calcio cipriota centra i quarti di finale? Un passaggio del turno sofferto, ma di grande cuore, come il portiere superman Chiotis, in grado di distruggere i sogni dei più blasonati francesi del Lione. Peccato che non si festeggi su tutta l'isola a causa della divisione. Aspettiamo nuove sorprese nei quarti...

  • MILAN: 6
Se dovessimo guardare solo la partita d'andata il voto sarebbe decisamente più alto, visto che a S.Siro si era assistito ad una dimostrazione devastante di potenza rossonera. La figuraccia al ritorno rovina tutto e fa paradossalmente uscire a testa alta i Gunners. Ancora una volta però rossoneri nei quarti, unica squadra italiana. Fatti per la Champions.

  • BENFICA: 8
Per una volta non è il Porto ad andare avanti, ma la squadra di Lisbona. Ribaltare la gelida sconfitta in Russia non era cosa facile, ma col calore del Estadio da Luz lo Zenit di Spalletti è stato annientato. Squadra vivace e insidia per chiunque.

Non è stata una qualificazione facile per i Galacticos. Il CSKA si è rivelato avversario più ostico del previsto, tanto che al ritorno è dovuta servire una goleada per archiviare la pratica. Tutto il mondo è già col fiato sospeso per il possibile accoppiamento con gli odiati cugini del Barca. Lo spettacolo è assicurato.

Ottenere il massimo dai propri mezzi: questa è stata la lezione dei francesi. A farne le spese è stata lo sfortunata ed incapace Inter di Ranieri. Onore agli uomini di Deschamps capaci di regalare emozioni nei minuti di recupero. La voglia e la fortuna hanno fatto la differenza.

  • BARCELLONA: 9    
I blaugrana si sono candidati di prepotenza come l'incubo dell'urna di Nyon. Chi infatti avrà la malasorte di incontrare Messi&co sa già di avere mezzo piede fuori dalla competizione. Complimenti a Messi entrato nella storia e ad una squadra che non smette mai di stupire.

Il voto corrisponde ai gol segnati nel ritorno contro il Basilea, quando in molti credevano al sogno della comitiva svizzera. Invece no, perchè due fenomeni come Robben e Ribery non ci stanno proprio a perdersi la finale tra le mura di casa, e quando hai un signore chiamato Mario Gomez la strada sembra sempre più facile.

  • CHELSEA: 9
Sembra strano a dirsi, ma una delle sorprese tra le qualificate è proprio la squadra londinese. Serviva un'impresa contro un grande Napoli, che all'andata aveva posto le basi per la qualificazione, ed un miracolo è arrivato. Gente come Drogba, Lampard e Terry non vivono senza la musica della Champions. Bravo Di Matteo a capirlo. Onore comunque al Napoli, uscito a testa altissima.

1 February 2012

I colpi più interessanti del mercato inglese.

Dimenticatevi lo scoppiettante mercato di Gennaio del 2011 che aveva regalato super colpi (tra tutti Torres e Carroll). Anche l'Inghilterra infatti ha subito la sindrome, piuttosto diffusa in Europa, di un mercato sterile e povero (forse la crisi comincia a farsi sentire per tutti?). In ogni caso qualche ottimo affare è stato messo a segno, soprattutto dal QPR, squadra regina di questa sessione di trasferimenti.
Ecco una panoramica dei colpi più interessanti:

Il presidente del QPR Fernandes non vuole proprio saperne di ritornare in League One e dopo aver cambiato tecnico ingaggiando Hughes ha rinforzarto la squadra in maniera netta. In attacco arrivano a titolo definitivo Bobby Zamora dal Fulham e Cissè che alla Lazio non aveva brillato, insieme al prestito di Macheda. In più, per quanto riguarda il reparto arretrato, si segnalano i prestiti di Onuhoa e Taiwo dal Milan.
Il colpo più bello di tutto il mercato, non solo inglese, è sicuramente il ritorno a casa, seppur per 3 mesi, dell'idolo della Londra sponda Arsenal Thierry Henri. Il suo gol contro il Leeds fa capire quanto il calcio sia molto di più profondo di stipendi e contratti milionari. Restando in tema, non si puo' non segnalare il ritorno al calcio giocato di Paul Scholes che seppur non sia un vero trasferimento è di sicuro un colpo geniale di Sir Alex.
Il Chelsea perde un difensore, Alex, che va al PSG ma ne acquista un altro di grande prospettiva, Gary Cahill dal Bolton, mentre Anelka se ne va a Shangai.
Fanno notizia i movimenti di mercato dell'Everton, visto che nella sessione estiva aveva chiuso con 0 acquisti di fatto. Alla sponda Blue del Mersey arrivano infatti l'ex United Darren Gibson (già decisivo nella vittoria contro il City), l'attaccante Jelavic ex Rangers e l'ormai classico prestito dell'americano Donovan. In più Moyes potrà contare sul ritorno in prestito di Pienaar, mentre proprio al Tottenham finisce Louis Saha. Gli Spurs cedono in prestito Bassong e Corluka a Wolverhampton e Leverkusen e Pavlyuchenko, che ritorna in Russia a titolo definitivo alla Lokomotiv Mosca.
Colpo all'ultimo minuto per il City di Mancini che si assicura in prestito il cileno Pizarro dalla Roma, lo stesso Pizarro che Mancini ai tempi dell'Inter aveva ceduto al club giallorosso.
Dalla MLS oltre a Donovan ed Henry ritorna in Inghilterra Robbie Keane, che approda all'Aston Villa.
Si rafforzano il Newcastle che regala al capocannoniere Demba Ba il partner connazionale Papis Cissè del Friburgo e il Sunderland, con l'arrivo di Kyrgiakos e dell'ex City Wayne Bridge. Infine il Fulham si regala l'ex attaccante dello Stoccarda Pavel Pogrebnyak.

Questi i movimenti più interessanti di un mercato in cui ci si aspettava qualcosa di più soprattutto dalle big Chelsea, Liverpool, United e Arsenal, in un campionato che però non ha bisogno di grandi colpi per restare spettacolare.

28 December 2011

Ancelotti a Disneyland: pronto a diventare Carlo Magno.

E' quasi ufficiale: Carlo Ancelotti diventerà Carlo Magno di Francia.
 Lo sceicco proprietario del Paris Saint Germain ha infatti voluto farsi un bel regalo di Natale, ingaggiando uno dei migliori tecnici sulla scena internazionale. Tra i motivi del sì dell'allenatore emiliano, oltre allo stipendio galattico che percepirà (si parla di 6-7 milioni), c'è il vecchio amico milanista Leonardo, direttore sportivo del club parigino. La famiglia milanista si arrichirà inoltre di un'altro ex rossonero (anche se per poco), ovvero lo spice boy David Beckham fresco di un contratto stellare da 800 mila euro al mese per 18 mesi
Ma non è finita qui: visto che a Natale si è tutti più buoni, lo sceicco ha deciso di regalare un "tesoretto" da 70-80 milioni per soddisfare le esigenze del tecnico italiano, e si sa che quando Leonardo e Ancelotti vanno sul mercato sono capaci di grandi colpi. La stampa italiana parla proprio di due vecchi colpi messi a segno da Leonardo in veste di dirigente milanista da portare sotto la Tour Eiffel: Pato e Kaka. Discorso più complicato per il primo, dichiarato incedibile dal Milan, ma con un rapporto non idilliaco con Allegri. Per Ricardino invece la strada sembra molto più facile, visto il suo netto calo di rendimento che non fa di lui un elemento centrale del progetto di Mourinho al Real. L'unica difficoltà è legata alla cifra del cartellino, dal momento che Florentino Perez non ha di certo voglia di regalare un giocatore costato all'epoca la bellezza di 65 milioni. Per il momento in Francia si aspettano fuochi e fiamme e l'obiettivo unico del club (vista la eliminazione dall'Europa League) è la vittoria della Ligue 1

Vedremo se Carletto saprà fare di Parigi la Disneyland del calcio europeo...

8 December 2011

"Promossi e Bocciati" di Champions League

Come alla fine di un quadrimestre scolastico è giusto fare un'analisi dei promossi e dei bocciati della fase a gironi della Champions Leauge . E quest'anno di sorprese ce ne sono state più di una.
  • Manchester City e Manchester United:        BOCCIATI

La Manchester capitale del calcio inglese si trova incredibilmente fuori dall'Europa che conta. Il giudizio è inequivocabile. Insufficienza per il City che non riesce a tramutare in passaggio del turno i milioni spesi dallo sceicco e che viene beffato dal Napoli. Le attenuanti sono l'inesperienza (prima partecipazione per la sponda Blue di Manchester) e il girone di ferro. Non ci sono scuse invece per lo United che si merita un'insufficienza grave, anzi gravissima. In un girone decisamente alla sua altezza non riesce a guadagnarsi la qualificazione neanche per seconda, con una prestazione vergognosa sul campo del Basilea. Sir Alex dovrà farsi un bell'esame di coscienza...

  • Apoel Nicosia:      PROMOSSO CON LODE

Forse pochi hanno capito che la vera impresa di questa edizione di CL non è quella del Napoli, ma quella della squadra cipriota qualificatosi come prima alla sua seconda partecipazione. Un vero e proprio miracolo poi se si pensa al livello del campionato cipriota. Un'impresa, quella degli uomini di Jovanovic, ottenuta grazie alla filosofia del gioco difensivo: vincere in casa e pareggiare fuori. Il Porto ne sa qualcosa. Mina vagante.

  • Inter, Milan e Napoli:     PROMOSSE

Si parla sempre di Premier e Liga, ma il campionato più rappresentato nella fase che conta è la serie A. Siamo gli unici infatti in grado di vantare ben tre squadre. L'Inter è riuscita a passare per prima, in un girone però sicuramente alla sua altezza. Il Milan ha tenuto testa ma non è riuscito a superare il Barcellona. Il Napoli ha realizzato un vero miracolo in un girone in cui tutti lo davano per spacciato. Tanto di cappello

  • Chelsea:     RIMANDATO

E' vero, i Blues sono passati per primi. Ma la squadra di Vilas Boas ha faticato e ha rischiato seriamente di non farcela. Un passaggio del turno che non convince, ma è giusto aspettare per giudicare.

  • Basilea:       PROMOSSO CON LODE

Molti pronosticavano un replay della finale tra Barcellona e Manchester United, ma non in Svizzera, precisamente a Basilea, dove si è compiuto un atto storico della storia della competizione. Come non promuovere a pieni voti una squadra che riesce a buttar fuori il glorioso Man United? Sorprendenti.

Staremo a vedere le sorprese che sarà in grado di regalarci la competizione più bella del mondo...